Equipe di Ambito per le misure contro la povertà - Ambito Sociale di Sesto Calende

Servizi | Equipe di Ambito per le misure contro la povertà - Ambito Sociale di Sesto Calende

Equipe di Ambito per le misure contro la povertà

L’Equipe di Ambito si occupa delle misure contro la povertà (SIA, REI, Reddito di cittadinanza) qualora, in esito all'analisi preliminare effettuata dal Servizio Sociale comunale, emerga la necessità di sviluppare un quadro di analisi approfondito. In tal caso costituisce e convoca l’equipe multidisciplinare insieme ad altri operatori afferenti alla rete dei servizi territoriali, identificati a seconda dei bisogni del nucleo più rilevanti emersi, con particolare riferimento ai servizi per l'impiego, la formazione, le politiche abitative, la tutela della salute e l'istruzione.

Il suo ruolo specifico è quello di effettuare la valutazione multidimensionale della situazione del nucleo richiedente, con un quadro di Analisi approfondito.

Nel caso la persona/famiglia sia stata già valutata da altri servizi e disponga di un progetto per finalità diverse, la valutazione e la progettazione sono acquisite ai fini della valutazione prevista.

In esito alla valutazione multidimensionale, è definito un Patto di inclusione, sottoscritto dai componenti il nucleo familiare, che viene caricato sulla piattaforma predisposta dal Ministero.

Il Patto di Inclusione individua, sulla base dei fabbisogni del nucleo familiare come emersi nell'ambito della valutazione multidimensionale:

a) gli obiettivi generali e i risultati specifici che si intendono raggiungere in un percorso volto al superamento della condizione di povertà, all'inserimento o reinserimento lavorativo e all'inclusione sociale;

b) i sostegni, in termini di specifici interventi e servizi, di cui il nucleo necessita, oltre al  beneficio economico connesso al Rdc;

c) gli impegni a svolgere specifiche attività, a cui il beneficio economico è condizionato, da parte dei componenti il nucleo familiare incluso un pacchetto di ore di volontariato da spendere su un Progetto per la collettività.

I sostegni necessari da inserire nel Patto, afferenti al sistema integrato di interventi e servizi sociali di cui alla legge n. 328 del 2000, vengono individuati tra:

a) segretariato sociale

b) servizio sociale professionale per la presa in carico, inclusa la componente sociale della valutazione multidimensionale

c) tirocini finalizzati all'inclusione sociale, all'autonomia delle persone e alla riabilitazione, di cui alle regolamentazioni regionali in attuazione dell'accordo del 22 gennaio 2015 in sede di Conferenza unificata

d) sostegno socio-educativo domiciliare o territoriale, incluso il supporto nella gestione delle spese e del bilancio familiare;

e) assistenza domiciliare socio-assistenziale e servizi di prossimità;

f) sostegno alla genitorialità e servizio di mediazione familiare;

g) servizio di mediazione culturale;

h) servizio di pronto intervento sociale.

Attraverso l’Equipe viene svolto inoltre il ruolo di case manager nella realizzazione delle azioni contenute nei patti ed il monitoraggio sul corretto andamento degli stessi, con l’obbligo di segnalare eventi che comportino il decadimento del beneficio e l’applicazione delle relative sanzioni.

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il